Reflex

Nikon D810, la full frame senza filtro

La casa giapponese rinfresca la sua entry level a pieno formato con un modello senza filtro passa-basso. Il prezzo si aggirerà intorno ai 3000 euro

– Credits: Nikon

Si può migliorare una reflex quasi perfetta come la D800 ? Risposta affermativa. Lavorando di fino, migliorando cioè tutti quei piccoli particolari che sommati fanno la differenza, Nikon è riuscita ad aggiungere ancora un po’ di pepe sulla sua full frame entry-level. D’ora in poi si chiamerà D810, come a dimostrare che questa vuole essere una reflex che pur senza distinguersi granché dalla sua progenitrice saprà comunque offrire qualcosa in più.

In realtà la nuova Nikon D810 fa più notizia per quello che toglie che per quello che aggiunge. La nuova "pieno formato" della casa giallo-nera utilizza infatti lo stesso sensore da 36 megapixel della D800 ma senza filtro ottico AA (anti-alias). Mutuando l’esperienza già fatta sulla D7100 e sulla D53000 (le prime due macchine della casa “evirate” dal filtro passa-basso) Nikon vuole dunque sottolineare il livello di maturità raggiunto dalle sue fotocamere. Che ormai possono rinunciare a un elemento un tempo ritenuto indispensabile per evitare il cosiddetto effetto Moiré, a tutto vantaggio della nitidezza d'immagine.

La mancanza del filtro passa-basso non è l’unico elemento che fa “lievitare” le quotazioni della nuova full-frame giapponese. Nikon ha lavorato sulla raffica (che sale dai 4 ai cinque fotogrammi al secondo in modalità FX), sulla sensibilità (che spazia da 64 a 12.800 ISO, o da 32 fino 51.200 ISO equivalenti), sull’autofocus (c’è ora la possibilità di utilizzare una modalità di AF “a gruppi” che promette una velocità più rapida e un miglior isolamento dallo sfondo anche in condizioni di scarsa luminosità) e sulla qualità dei video (che si spinge ora fino a un massimo di 1080/60p con audio stereo).

Nikon-D810_24_70_front_interna_emb8.jpg

Sul piano hardware è da segnalare la presenza di un display Lcd da 1229 punti antiriflesso e un nuovo meccanismo otturatore/box specchio pensato per accrescere la stabilità dell’immagine nel mirino e assicurare un oscuramento minimo nel caso di riprese ad alta velocità; attivando l’otturazione a prima tendina elettronica - spiega Nikon - è possibile ridurre al minimo le vibrazioni interne e ridurre il rischio di micromosso anche nelle riprese di dettagli più piccoli.

Nikon non ha ancora comunicato disponibilità e prezzo in Italia, ma negli Stati Uniti il costo della D810 è fissato a 3299 dollari, praticamente lo stesso cartellino della D800E e qualche dollaro in più rispetto alla D800 standard.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nikon D5200, un buon compromesso qualità-prezzo?

Alla sua terza evoluzione, la reflex "middlerange" della casa giapponese si (ri)presenta con alcune interessanti migliorie. Sugli scudi il nuovo sensore da 24 megapixel e il sistema autofocus a 39 punti (di derivazione D7000), ma la vera novità è l’arrivo della connettività Wi-Fi

Commenti