Fujifilm novità 2017
Reflex

GFX 50S, X-T20, X100F: Fujifilm presenta le novità del 2017

Una mirroless, una compatta e una medio-formato: il produttore giapponese rinnova il suo catalogo con tre fotocamere da 1.000 a 7.000 euro

Fotocamere compatte, preferibilmente mirrorless, belle da vedere, ma anche molto evolute sul piano tecnologico. Fujifilm ha le idee chiare sul futuro della fotografia digitale e lo dimostra con ben tre nuove macchine che vanno ad arricchire il suo catalogo su tre fasce diverse.

Si tratta della GFX 50S, della X-T20 e della X100F, tre modelli destinati a tre categorie di utenti ben precise, ma accomunati da un design marcatamente vintage, dalla presenza di un display touch screen e da una naturale predisposizione alla facilità d’uso.

Vediamo nel dettaglio come sono fatte:

Fujifilm GFX 50S
Annunciata in anteprima allo scorso Photokina, la GFX 50S è una mirrorless a medio formato che si caratterizza in prima battuta per la presenza di sensore CMOS 43,8x32,9mm (una superficie pari a 1,7 volte quella di un comune full frame) da 51,4 Megapixel, qui accompagnato da un processore X Processor Pro (lo stesso visto sulla X-Pro2 e sulla X-T2).

La presenza di un otturatore sul piano focale, questa almeno è la promessa della casa giapponese, migliora la velocità di scatto (si va da 1/4000 secondo fino a 1/16000 secondo quando si usa l’otturatore elettronico) con una velocità di sincronizzazione flash di 1/125 sec. o inferiore.

Sul piano del design, la GFX 50S richiama il family feeling della Serie X, con selettori dedicati per impostare in modo indipendente diaframma, tempo di posa e sensibilità ISO. Per il mirino elettronico è stato adottato un nuovo pannello “EL organic” da 0,5 pollici (3,69 milioni di punti), con 5 elementi in vetro assemblati per aumentare l'ingrandimento di un fattore pari a 0,85x.

I criteri di confort hanno guidato anche la progettazione dello schermo principale, un display touch screen Lcd da 3,2 pollici orientabile nelle tre direzioni, dal quiale è possibile fra le altre cose selezionare il punto di messa a fuoco.

Fujifilm GFX 50S arriverà sul mercato da fine febbraio al prezzo di 7.115, euro, insieme a tre nuovi obiettivi Fujinon: un 64 millimetri F2.8 (GF63MM - 1.625 euro), un versatile 32-64 F4 (GFF32-64MM a 2.545,00) e un macro da 120 mm F4 stabilizzato (GF120MM).

 

Fujifilm X-T20
La seconda novità della collezione 2017 di Fujifilm è una mirrorless molto compatta, basata su un sensore APS-C X-Trans da 24,3MP.

La devozione alle linee della Serie X è anche in questo caso molto evidente, ma a conferire originalità ci pensa la parte superiore del corpo macchina con i tre selettori di precisione in alluminio per la selezione del diaframma, tempo di posa e modalità di ripresa; da notare l'aggiunta del comodo selettore “Drive” con la nuova posizione Video che commuta tra scatto fotografico e ripresa video.

Sul piano prestazionale, la nuova X-T20 si segnala per la sensibilità estesa fino a 12.800 ISO nativi e per il sistema AF a 91 punti, di cui 49 nell’area centrale (il 40% dell’area è coperta dai pixel a rilevamento di fase).

Piuttosto ampio il ventaglio di opportunità per i videomaker: la X-T20 può filmare in Full HD (con framerate variabile da 24 a 60 fps) o in 4K (100 Mbps di bitrate). Da apprezzare, anche in questo caso, la presenza di un touch-screen dal quale è possibile correggere la messa a fuoco tramite un semplice tocco. I video, così come le foto, possono essere condivisi con uno smartphone o un tablet, sfruttando una connessione Wi-Fi diretta sia per condividere foto e video sia per comandare la macchina a distanza.

Fujifilm X-T20 sarà disponibile da fine febbraio 2017 al prezzo suggerito di 919,99 euro solo corpo o in tre versioni in kit: con obiettivo 18/55mm (1.229,99), con 16/50mm (1.019,99), con 16/50+50/230mm (1.229,99).

 

Fujifilm X100F
Fujifilm la definisce una fotocamera digitale compatta premium, ma per gli aficionados del marchio è semplicemente l’erede della X100S e soprattutto della X100T, la prima macchina con telemetro elettronico.

La novità principale di questo modello, che dal punto di vista del design ricalca le forme delle sue progenitrici, sta nel mirino ibrido avanzato, un oculare che può essere utilizzato come mirino ottico (OVF) o come mirino elettronico (EVF).

Nuovo è anche il sensore, un’unità APS-C da 24,3MP senza filtro passa-basso, che oltre a una maggiore definizione (circa 1,5 volte il numero di picel della X100T) vanta una maggiore sensibilità (pari a 12800 ISO), il tutto - assicurano dal Giappone - senza compromessi in termini di rumore.

Equipaggiata con un’ottica fissa da 23 millimetri con apertura f/2, la nuova X100F si avvale di un sistema AF a contrasto capace di coprire circa l’85% dell’area dell’immagine. Fujifilm parla di una messa fuoco ottimale anche in condizioni di bassa luminosità (fino a -3EV), e sottolinea il supporto AF-S per soggetti statici e AF-C per soggetti in movimento. Va detto che per entrambe le opzioni è possibile scegliere il tipo di area di messa a fuoco, fra Punto Singolo oppure Zona, ma esiste anche un'opzione Wide/Tracking per selezionare automaticamente più aree di messa a fuoco. Passando ai video invece, c'è anche una modalità ibrida che commuta tra “AF a Rilevamento di Fase” e “AF a Contrasto” in funzione della scena, anche durante le riprese.

La nuova Fujifilm X100F sarà disponibile da metà febbraio 2017 al prezzo suggerito di 1.429,99 euro.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Fujifilm X-T1, prime impressioni

Primo contatto con la nuova mirrorless del produttore giapponese, una fotocamera che – per robustezza e qualità del mirino elettronico - punta ad accorciare le distanze dal mondo reflex 

Commenti