Reflex

La Canon Eos 100D è meglio di una mirrorless

Abbiamo provato la nuova piccola reflex giapponese. Con risultati sorprendenti

Canon-Eos-100D-front

Una foto della nuova Canon Eos 100D – Credits: Canon

Chi l’ha detto che per avere una macchina fotografica capace di combinare qualità e maneggevolezza occorre buttarsi su una mirrorless? Canon vuole sfatare un luogo comune: quello secondo cui le reflex sono belle ma impegnative.

La dimostrazione sta tutta nella Eos 100D, la più piccola reflex del mondo, o – se preferite – la prima reflex capace di competere con una compatta a ottiche intercambiabili sul suo stesso terreno: quello delle dimensioni. 116,8 x 90,7 x 69,4 millimetri per 407 grammi di peso: a conti fatti non siamo molto distanti dagli ingombri di una Fujifilm X-Pro1 (139.5 x 81.8 x 42.5 mm per 450 grammi di peso). Ma con in più tutti i vantaggi di una reflex.

Il mirino ottico, ad esempio, ma anche l’autofocus di rango e la compatibilità senza “se” e senza “ma” di tutto il parco ottiche proprietario. Dopo un’attenta analisi sul campo possiamo dirlo: questo non è un compromesso, né un esercizio di stile. La Canon Eos 100D è a tutti gli effetti una reflex assimilabile alla 700D ma con un corpo decisamente - e miracolosamente - più contenuto.

A dire il vero, rispetto alla sorella maggiore manca il display orientabile. Ma per il resto le differenze funzionali sono trascurabili. Anzi, è proprio la Eos 100D a potersi fregiare di una peculiarità di pregio: l’AF Hybrid II, un sistema di messa a fuoco in continuo davvero sorprendente quando si tratta di effettuare riprese in movimento. Il cosiddetto "fuocheggiamento" è un lontano ricordo. Guardare per credere questo filmato nel quale abbiamo "fissato" il fuoco sull’etichetta di una bottiglia di vino partendo da una distanza di 3 metri e mezzo lasciando alla Eos 100D il compito di inseguire il soggetto in corsa:

Insomma, se fossimo nei panni di un utente Canon di lungo corso che sta cercando una seconda macchina piccola e snella da portarsi appresso senza fare le valigie, non avremmo dubbi: sceglieremmo la Eos 100D a occhi chiusi. Ma a conti fatti la nuova "reflexina" di Canon può essere una scelta molto sensata anche per chi, fino a ieri, faceva le foto con un cellulare. Per 699 euro (solo corpo) si può entrare nel mondo della fotografia con la F maiuscola. E senza faticare troppo.

Se pensate che stiamo esagerando date un’occhiata alla galleria di foto che abbiamo realizzato in due location di Milano (Legatoria Conti Borbone e Pasticceria Galdina) con una Eos 100D lasciata in modalità automatica.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Canon Eos 100D, la reflex più piccola del mondo

La casa giapponese fa debuttare la sua prima Dslr anti-mirrorless: un macchina con una dotazione molto simile a quella di una digital-rebel di ultima generazione ma in un corpo decisamente più compatto

Commenti