• RSS
  • youtube
Home  -  Mytech  -  Reflex  -  Nikon D800, una piccola D4 (alla metà del prezzo)

Nikon D800, una piccola D4 (alla metà del prezzo)

L’erede della D700 è una full-frame da 36 megapixel che riprende buona parte della dotazione della recente ammiraglia giapponese

Nikon D800, una piccola D4 (alla metà del prezzo) Nikon D800, una piccola D4 (alla metà del prezzo)

Ok. La Nikon D4 ti ha lasciato a bocca aperta ma hai giurato a te stesso (e ai tuoi familiari) che per nulla al mondo prosciugherai il conto in banca per comprare un’altra macchina fotografica. Con la nuova D800, però, Nikon è riuscita ancora una volta a metterti in imbarazzo, sventolandoti sotto il naso una full-frame che ha molto della nuova ammiraglia di famiglia e a un prezzo decisamente più abbordabile: 3000 dollari, praticamente la metà della D4.

In realtà la nuova D800 nasce per rimpiazzare la D700 , che è poi la prima full-frame di fascia media del portfolio Nikon. Un modello di oltre tre anni fa che alla luce dei recenti sviluppi (soprattutto sul versante video) comincia a sentire il peso dell’età. Viste le novità, però, sarebbe davvero riduttivo parlare di un semplice aggiornamento: insomma, la Nikon D800 è più vicina alla D4 di quanto non lo sia alla D700.

In fondo gli unici punti di contatto con il passato rimangono il range ISO (da 100 a 6400 e fino a 25600 equivalenti ma con l’aggiunta di uno stop verso il basso) e il corpo macchina. Quest’ultimo, in particolare, resta pressoché invariato rispetto alla D700, anche se l’arrivo delle funzionalità video ha “obbligato” i tecnici della casa giapponese a rivedere qualche comando: c’è ovviamente un tasto per il videocapturing e naturalmente un nuovo display (da 3.2 pollici) con live view.

Nikon D800, una piccola D4 (alla metà del prezzo)

All’interno, invece, tutto è cambiato. A partire dal sensore, un nuovo Cmos da 36.3 megapixel che farà la felicità degli amanti del medio formato, per continuare con il processore (Expeed 3, lo stesso della D4) e l’autofocus ad area dinamica da 9, 21 e 51 punti (anche questo mutuato dalla D4).

Ma non solo. Dalla D4 arriva pure l’eccellente sistema di riconoscimento della scena che sfrutta un sensore RGB da oltre 90.000 pixel per individuare con precisione i volti e ottimizzare allo stesso tempo colori e luminosità. Una risorsa utilizzata anche come supporto per la messa a fuoco, con benefici evidenti soprattutto in modalità tracking 3D e in particolare quando si tratta di inseguire soggetti di piccole dimensioni.

E poi, come detto, ci sono le funzionalità video, assenti sulla D700 e ora davvero sugli scudi. Anche in questo caso la dote della D4 è evidente: la nuova Nikon D800 può registrare filmati a 1080p e 30 fps che possono essere controllati senza compressione via Hdmi su un monitor esterno. Ai videomaker viene inoltre concessa la facoltà di utilizzare un ingresso per microfono stereo esterno e un’uscita audio per le cuffie.

Nikon D800, una piccola D4 (alla metà del prezzo)

Ragguardevoli, nel complesso, anche le prestazioni velocistiche della macchina che può contare su un tempo di avvio di circa 0,12 secondi e su un ritardo nello scatto di circa 0,04 secondi (siamo ai livelli della D3s). La raffica è di 4 fps (in formato FX e modalità ritaglio 5:4), un valore inferiore a quello della D700 che però monta un sensore tre volte meno risoluto.

Da sottolineare il fatto che contemporanamente alla D800 Nikon porterà al debutto la D800E, una versione gemella senza filtro low-pass a un prezzo di 3200 dollari.

A questo punto ti starai già chiedendo perché mai dovresti acquistare una full frame al doppio del prezzo come la D4 visto che sulla nuova D800 c’è già tutto quello che avresti sempre voluto dalla tua macchina digitale. Le differenze sostanziali, a conti fatti, si contano sulle dita di una mano: sensore, raffica, connettività Ethernet, autonomia e supporto alle nuove schede di memoria ultrarapida XQD. Bastano per giustificare 3000 dollari di differenza? Sì, ma dipende ovviamente da ciò che chiedi alla tua reflex digitale.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti


Speciali

Video Hot