• RSS
  • youtube
Home  -  Mytech  -  Reflex  -  Nikon D4, una full frame da sogno (a un prezzo da incubo)

Nikon D4, una full frame da sogno (a un prezzo da incubo)

La casa giapponese lancia la sua nuova reflex a pieno formato per il fotografo professionista. Il prezzo? Circa 6000 dollari

Nikon D4, una full frame da sogno (a un prezzo da incubo) Nikon D4, una full frame da sogno (a un prezzo da incubo)

Tag:  D4 fotocamere-digitali full-frame nikon reflex

Nikon D4, una full frame da sogno (a un prezzo da incubo)

Sono passati quasi 5 anni dall’uscita della D3 , prima reflex digitale di Nikon con un sensore a pieno formato, e per la casa giapponese – che pure nel frattempo non è rimasta con le mani in mano, piazzando un paio di restyling mirati (leggasi D3X e D3S) – è arrivato il momento di aprire un capitolo tutto nuovo. Si scrive Nikon D4 ma si legge ciò-che-di-meglio-può-offrire-oggi-Nikon-al-fotografo professionista: una reflex full frame dalle prestazioni e dal prezzo esagerato (si parla di circa 6000 euro), che se la dovrà vedere con la nuova Canon Eos 1Dx nel segmento che piace tanto ai proseliti del fotogramma pellicolare, il glorioso 24x36 mm.

Sensore e processore: il cuore è cambiato

Dai 12 megapixel della "vecchia" D3S si passa a un sensore da 16,2 megapixel accompagnato da un nuovo processore di immagine Expeed 3. Una combinazione che – almeno sulla carta – promette prestazioni di rango, soprattutto quando si tratta di scattare senza sosta e in condizioni di luce ai limiti. Valgano a titolo di esempio gli 11 fps in raffica o i valori della gamma ISO che si estende da 100-12.800 di base, espandibili all’occorrenza fino a un equivalente di 204.800.

Nikon D4, una full frame da sogno (a un prezzo da incubo)

I tecnici Nikon hanno lavorato di cesello per ciò che riguarda le funzioni automatiche: un sensore RGB da 91.000 pixel si preoccupa di analizzare fino al minimo dettagli la scena (e in particolare la presenza dei volti), affiancato da un sistema AF 3D-subject tracking che insegue letteralmente i soggetti di piccole dimensioni per migliorarne la messa a fuoco e l’esposizione.

Dentro c'è una videocamera professionale

Ma è soprattutto nel comparto video che si registrano i miglioramenti più sostanziali. La nuova Nikon D4 può infatti catturare filmati Full HD (1080p) a 30, 25 o 24 fotogrammi al secondo (con opzioni a 60p, 50p, 720p) candidandosi così a diventare un oggetto ambito da molti professionisti del video. I primi filmati pubblicati in Rete sembrano confortare le ambizioni della nuova full frame giapponese anche su questo fronte.

Da sottolineare a questo proposito gli ingressi per microfono stereo e cuffie audio, la possibilità di regolare al volo la velocità dell'otturatore, l'apertura e il valore ISO durante la ripresa, nonché quella di esportare i filmati non compressi (via Hdmi) su registratori e monitor esterni, un’autentica primizia per il mondo delle reflex digitali.

Con le nuove Schede XQD si apre l'era della memorizzazione ultrarapida

La nuova Nikon D4 è anche la prima macchina al mondo a supportare le nuove schede XQD (in aggiunta alle classiche Compact Flash). Con questi supporti, per il momento annunciati solo da Sony e SanDisk, i fotografi potranno disporre di veri e propri hard disk in miniatura capaci di registrare dati a 125 MB al secondo, salvando fino a 100 immagini consecutive alla massima velocità di scatto (11 fotogrammi al secondo). Fra gli accessori si scopre poi dell’esistenza di una porta Ethernet e di un modulo wireless (opzionale) per il controllo remoto della fotocamera attraverso Web browser e per il collegamento a dispositivi esterni.

[gallery]

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti


Speciali

Video Hot

    • Via i segreti di Stato sulle stragi....

      L’altra faccia della medaglia della lodevole iniziativa di Palazzo Chigi è avere gli stessi dubbi e ancor meno chiarezza di prima. E inimicarci i servizi segreti alleati

    • Bonus Irpef, cosa prevede il decreto

      80 euro al mese tondi fino a dicembre per i contribuenti con reddito fino a 24 mila euro. I soldi arriveranno da tagli ai ministeri, dalla tassazione delle rendite e delle banche e dalla lotta all'evasione

    • Apple, Tim Cook e il lato verde della...

      Risultati confortanti dall'ultimo rapporto ambientale del gigante di Cupertino. Che dimostra una volta di più l'attenzione agli aspetti di natura etica del suo CEO