Mytech

OS X 10.10 Yosemite: le cose da sapere

Interfaccia, funzioni, app, cosa offrirà e quando sarà disponibile il prossimo sistema operativo per Macintosh

Foto e logo di OS X Yosemite – Credits: courtesy of Apple

Interfaccia, App e Continuità: sono i tre punti su cui punta Apple per OS X 10.10 Yosemite , la prossima versione del sistema operativo per Macintosh. I ritocchi all'interfaccia vanno infatti di pari passo a quelli alle applicazioni già note e il tutto è condito da un ulteriore sinergia con i dispositivi iOS, che va da funzioni di messaggistica e telefonia all'accesso diretto ai documenti nella "nuvola" sino alla condivisione della connessione "mobile".

Ecco una lista delle cose più importanti da sapere sulla prossima versione di [Mac] OS X.

1) Il nome: dopo la spiaggia di Mavericks Apple ha scelto un'altra celebre località della California. È il Parco Nazionale di Yosemite , il cui nome era già stato utilizzato dall'azienda nel 1999 per il Power Macintosh G3 Blue & White .

2) L'interfaccia: OS X 10.10 prosegue nella direzione mostrata dal 10.9. Il design di Yosemite è ancora più piatto e ha elementi e controlli più chiari, barre degli strumenti semplificate e ridotte al minimo, elementi traslucidi, pulsanti e icone delle app ridisegnati, che si stagliano di più sul dock, e un nuovo font per finestre e barre dei menù.

OS-X-Yosemite-Design-interfaccia_emb8.jpg

3) Il Centro Notifiche è stato potenziato. La nuova vista "Oggi" offrirà una visione rapida d'insieme alle attività della giornata, proprio come già accade su iOS. Saranno inoltre disponibili widget per personalizzare ed arricchire il Centro Notifiche con informazioni tratte da Calendario, Meteo, Azioni, Promemoria, Orologio del mondo e i social network, ed altre ancora, scaricabili dal Mac App Store.

4) Potenziato anche Spotlight, non più relegato in alto a destra. Apparirà come una finestra fluttuante al centro del desktop. Oltre alle funzioni già note in locale Spotlight aggiungerà nuove categorie di risultati (simili a quelle di Siri), tratte da Wikipedia, Mappe, Bing, da App Store, iTunes Store, iBooks Store, "i primi siti web", notizie e film. 

OS-X-Yosemite-Spotlight_emb8.jpg

5) Safari avrà un nuovo design semplificato con barra degli indirizzi integrata con Spotlight, una nuova vista Preferiti e una vista Tab che "impila" le miniature di tutte le pagine web aperte in un'unica schermata. Secondo Apple, inoltre, il suo browser è "oltre sei volte più veloce di Firefox e oltre cinque volte più veloce di Chrome quando esegue JavaScript che si trovano in siti comuni". Sul versante della privacy Safari permette finalmente di aprire singole finestre per la Navigazione Privata (in passato l'impostazione era globale, o tutte le finestre o nessuna) e supporta il meta-motore di ricerca anonimo DuckDuckGo , che non traccia gli utenti. 

OS-X-Yosemite-Safari-Pile-Tab_emb8.jpg

6) Diverse novità per anche per Mail. Il client di posta elettronica integrato in OS X incorporerà Markup, tramite cui potremo compilare rapidamente e firmare moduli e anche fare annotazioni su immagini e PDF all'interno del programma. Un'altra funzione, che si appoggia ad iCloud, sarà Mail Drop che consente di inviare facilmente file di grandi dimensioni, fino a 5GB, trasformando l'allegato in un link nella "nuvola" e gestendo upload e download in maniera trasparente ed automatica (perlomeno su computer Apple).

7) Nel Finder di OS X 10.10 verrà integrato iCloud Drive, risposta di Apple all'utilizzo di servizi come Dropbox o Box e per certi versi un ritorno al vecchio e compianto iDisk. iCloud Drive è un'interfaccia più tradizionale per l'archiviazione e la sincronizzazione di file basata (ovviamente) su iCloud. È integrato anche nel prossimo sistema operativo per i dispositivi iOS ed espone all'utente i dati di iCloud e li rende visibili, immediatamente manipolabili, e ricercabili

8) In generale i punti di contatto e le sinergie con iOS con Yosemite aumenteranno sensibilmente.
Airdrop permetterà lo scambio di file tra Mac e iPhone/iPad, Instant Hotspot l'attivazione dal Mac dell'hotspot sull'iPhone e Handoff di iniziare un'attività su un dispositivo e poi proseguirla su un altro. In Messaggi, come in iOS 8, si potranno aggiungere nuovi contatti a una conversazione in corso, creare chat di gruppo nonché inviare e ascoltare clip audio direttamente all'interno dall'app. E ancora: sarà possibile visualizzare ed inviare messaggi SMS o MMS direttamente dal Mac ed effettuare o ricevere chiamate iPhone utilizzando il Mac come un vivavoce.

OS-X-Yosemite-Integrazione-Mac-e-iPhone_emb8.jpg

9) La versione definitiva di OS X 10.10 Yosemite sarà disponibile gratuitamente in autunno tramite il Mac App Store. Gli sviluppatori iscritti al programma ufficiale a pagamento di Apple  possono invece scaricare subito un'anteprima. Qualche settimana fa Apple ha inoltre lanciato anche un programma gratuito OS X Beta che offre un accesso anticipato - per fini di feedback - alle nuove versioni di OS X. Gli iscritti potranno scaricare l'anteprima durante l'estate.

10) Apple non ha ancora diffuso informazioni sui requisiti di sistema o sui modelli di Macintosh supportati. L'unica informazione pubblicamente disponibile arriva da una nota relativa al citato programma OS X Beta. Qui si legge che bisogna accertarsi che sul Mac giri OS X Mavericks", da che si desume che allo stato attuale i requisiti di OS X 10.10 siano grossomodo identici a quelli del sistema precedente. 

Nota: tutte le immagini a corredo dell'articolo sono tratte dal sito web di Apple e sono "courtesy of Apple".

© Riproduzione Riservata

Commenti