Mytech

Mozilla Junior: il browser ripensato per l'iPad

Multiutente, con un'interfaccia minimale e navigazione a tutto schermo

Navigare con Safari per iPad? È un'esperienza abbastanza penosa. È quanto afferma, Alex Limi, cofondatore di Plone e da alcuni anni impegnato a migliorare l'esperienza d'uso di Firefox. Durante una presentazione del team addetto al Product Design Strategy di Mozilla, Limi ha mostrato un'alternativa al browser di Apple, con un'interfaccia e caratteristiche pensate per sfruttare appieno lo spazio a schermo e l'utilizzo da parte di più persone.

Realizzato da Limi insieme al collega Trond Werner Hansenbe, il nuovo browser si chiama Junior e offre un ambiente molto diverso sia da Firefox che da Safari, di cui utilizza (obbligatoriamente) i motori di elaborazione: addio alla barra di navigazione, tab e altri elementi e pagine web a tutto schermo, come se si leggesse una rivista. I controlli sono limitati a semicerchi in sovrimpressione sui lati con due comandi a vista e altri a comparsa per spostarsi avanti, indietro, ricaricare la pagina, condividere e altro ancora.

Mozilla-Junior-Interfaccia-utente_emb8.jpg

Semplicità non vuol dire mancanza di funzioni: Junior permetterà ovviamente l'aggiunta e gestione di preferiti, l'accesso alla cronologia, la navigazione privata e altre operazioni ormai standard, e includerà anche il supporto per più account utente. L'iPad viene spesso utilizzato come dispositivo "familiare" e il browser di Mozilla permetterà di creare profili distinti e personali per adulti e bambini, supplendo a una delle lacune di iOS, l'assenza della multiutenza.

Per ora Junior è allo stadio di prototipo e prima che compaia sull'App Store ci vorrà ancora parecchio tempo e parecchio lavoro: quanto mostrato dai due designer è stato realizzato in javascript, usando il framework Titanium, e una volta definite tutte le caratteristiche sarà probabilmente necessario crearne una versione definitiva in codice nativo. Nel frattempo è possibile guardare il lungo video della presentazione e magari tenere d'occhio il sito di Limi .

© Riproduzione Riservata

Commenti