Lenovo_YOGA 3 Pro_overview
Mytech

Lenovo, i nuovi Yoga fanno girare la testa

Un convertibile ultrasottile, un tablet con microproiettore e nuovi dispositivi all-in-one. Come cambia la famiglia dei "trasformisti" del colosso cinese

I dollari, anzi gli won, da soli non bastano. Per primeggiare nel mondo delle nuove tecnologie servono soprattutto le idee. Ad esempio quelle che hanno permesso a Lenovo di resuscitare un business (quello dei PC) che qualcuno (IBM) aveva già dato per morto e sepolto. Per il colosso cinese, l’intuizione brillante, la ricerca della soluzione geniale è ormai un’autentica ossessione, e lo si capisce ad ogni nuovo annuncio di prodotto. Non ultimo quello con cui ha rinfrescato i laptop e i tablet della famiglia Yoga.

Un PC convertibile ultra sottile (Yoga 3 Pro), un tablet consumer disponibile in due taglie e due sistemi operativi (Yoga Tablet 2) e un tablet professionale da 13 pollici con microproiettore integrato (Yoga Tablet 2 Pro): tre nuovi dispositivi per dimostrare, caso mai ce ne fosse bisogno, che non si diventa per caso primo produttore di PC al mondo e numero uno in patria nel segmento della mobilità.

L’obiettivo è sempre lo stesso, dare agli utenti dispositivi ultra-versatili, capaci di trasformarsi nella forma e nella sostanza, ma questa volta Lenovo enfatizza il concetto all’ennesima potenza, lavorando sui materiali, sulle risorse hardware e sulle soluzioni all-in-one. Così il notebook diventa una sorta di pannello ultrasottile completamente ribaltabile, il tablet un oggetto capace di cambiare taglia, sistema operativo, tastiera e all’occorrenza di improvvisarsi proiettore. Prodotti da far girar la testa, insomma, nel vero senso della parola, giacché qui la qualifica di "mobile" significa soprattutto capacità di cambiare posizione, trasformarsi, adattarsi agli usi e costumi degli utenti.

Yoga 3 Pro, più sottile di una matita
Il più atteso fra i nuovi dispositivi Lenovo è senza dubbio il nuovo Yoga 3 Pro, ultimissima evoluzione del dispositivo “convertibile” per eccellenza, il laptop trasformista che può essere ribaltato di 360 gradi per fungere, all’occorrenza, anche da tablet. I due elementi chiave restano ancora lo schermo touch e lo snodo centrale con le cerniere, ma nel mezzo c’è spazio per tutta una serie di risorse hardware piuttosto spinte, dai processori Intel di quinta generazione (M-70) al display Quad HD+ da 3200 x 1800 pixel di risoluzione fino alla coppia di altoparlanti JBL integrati.

Il risultato è un laptop decisamente raffinato, con un profilo ultrasottile (da chiuso misura 12,8 millimetri) e una personalizzazione software che punta a ribatire, anche all’interno, il concetto di “adaptive computing”, tecnologia adattabile. Merito di un nuovo software, denominato Harmony, sviluppato per riconoscere la modalità di utilizzo in corso (dalla lettura di un e-book alla presentazione in PowerPoint, fino alle applicazioni di terze parti) per regolare automaticamente luminosità, intensità dei colori piuttosto che modello interazione (touch, tastiera, motion control).

 

Yoga tablet 2, un tablet versatile, anzi quattro
Completamente rinnovata anche la gamma tablet del produttore, con un modello - Yoga tablet 2 - disponibile in quattro configurazioni diverse: da 8 o 10 pollici (ma in Italia, almeno inizialmente, vedremo solo il modello più grande) e con sistema operativo Android oppure Windows. Ad aumentare lo spettro di combinazioni possibili, la possibilità, per tutti i modelli, di aggiungere una tastiera magnetica (opzionale) per creare un’esperienza simil-laptop. Da segnalare la presenza di una nuova staffa girevole che può essere utilizzata per tenere il tablet in posizione distesa, sollevata, oppure per appendere il dispositivo a parete attraverso l’apposito foro in dotazione (Hang).

 

Yoga tablet 2 Pro: il tablet extra-large con proiettore integrato
La rinnovata gamma di tablet Lenovo comprende in vero un quinto modello “esclusivo”: si tratta dello Yoga Tablet 2 Pro, un dispositivo che si distingue l’impiego di due soluzioni piuttosto inusuali per il genere: il display da 13 pollici (2560x1440 la risoluzione) e il pico-proiettore integrato nello snodo dello stand. L’idea, come si può facilmente intuire, è quella di offrire una tavoletta da utilizzare sia in modalità “standard” sia come sorgente luminosa per piccole proiezioni in casa o in ufficio (la resa ottimale, spiegano i responsabili Lenovo, si ottiene a due metri di distanza da una parete). Giova a questo proposito la presenza di un sistema audio piuttosto robusto (la potenza dichiarata è di circa 8 Watt, circa il quadruplo di un tablet standard) con tanto di subwoofer integrato.

Come per gli altri modelli della gamma Lenovo Yoga Tablet 2, anche la versione Pro del device dispone del supporto pieghevole forato per un più comodo posizionamento a seconda degli usi (sdraiato, sollevato o appeso a parete). Per quanto riguarda le risorse hardware, il nuovo jumbo-tablet di Lenovo si segnala anche per la presenza di un processore di quarta generazione Intel Atom, la fotocamera posteriore da 8 megapixel e la memoria interna da 32 GB, espandibile fino a 64 GB tramite scheda Micro SD.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti