Mytech

Le migliori applicazioni per Android: Grabatron

Mettiamoci ai comandi di un ufo alieno e del suo temibile braccio meccanico e seminiamo terrore e distruzione nell'America degli anni '50

Grabatron è un gioco d'azione per dispositivi con sistema operativo Android in cui siamo ai comandi di un ufo alieno che deve compiere varie malefatte e soprattutto distruggere un po' tutto ciò che capita a tiro. Il gioco richiama l'ambientazione (e l'assurdità) dei vecchi film di fantascienza di serie Z degli anni '50 e ha un meccanismo di gioco semplice, efficace e appagante.

Come si gioca

Grabatron è un arcade a scorrimento verticale che permette di muoversi liberamente sia verso destra che a sinistra (oltre che in alto e verso il basso) in un paesaggio inizialmente rurale ma che include caverne, il deserto e infine la città.

Durante il gioco ci vengono assegnate missioni come il recupero di alieni o il rapimento di animali e alcune frecce ci indicheranno gli obiettivi sul terreno. Al tempo stesso dovremo raccogliere sfere di energia e fare attenzione agli umani che cercano di abbatterci sparando colpi di fucile, missili e ci fronteggiano con carri armati e anche elicotteri.

Grabatron-per-Android-Afferrare_emb8.jpg

Il disco volante alieno si controlla con comandi tilt oppure touch. L'unica arma disponibile è un rozzo artiglio meccanico, il "grabatron" appunto, che discende dall'ufo con un tap e che ci serve a rapire vacche, maiali, soldati e contadini, e soprattutto a afferrare veicoli e altri oggetti ed usarli come proiettli o come arieti seminando morte e distruzione insensata.

Grabatron-per-Android-Distruggere_emb8.jpg

Dove scaricare il software

In precedenza a pagamento, da luglio Grabatron per Android è disponibile gratuitamente su Google Play . Il modello commerciale in realtà è quello freemium, con l'opzione di acquistare all'interno dell'app i crediti per ottenere veicoli ancora più potenti e vari upgrade. La versione attuale, la 1.5.5, richiede Android 1.6 o superiore.

Nota: si ringrazia Serena Di Virgilio per la collaborazione nella stesura dell'articolo.

© Riproduzione Riservata

Commenti