Internet

WD My Cloud, ecco il cloud fai-da-te

Non è solo un hard disk che si connette in rete ma una vera e propria soluzione di cloud casalingo che consente di salvare i dati e di condividerli su qualsiasi dispositivo, fisso o mobile

Il cloud ti stuzzica ma l’idea di lasciare i tuoi dati in un server del Texas non ti fa dormire sonni tranquilli? Niente paura, c’è anche un’alternativa meno remota. Si chiama WD My Cloud, ed è in buona sostanza un hard disk che puoi tenere in casa e che ti offre la possibilità di accedere gratuitamente e da qualsiasi luogo ai tuoi dati.

Un vero e proprio cloud fai-da-te che consente di allocare i file più pesanti (ad esempio foto e video) in un repository molto capiente (fino a 4 terabyte di spazio disponibile) accessibile in qualsiasi momento da PC, Mac smartphone e tablet. Rispetto a un normale hard disk di rete, infatti, My Cloud dispone di un’interfaccia Web e di alcune applicazioni ad hoc che lo rendono compatibile (e accessibile) da quasi tutti i dispositivi fissi e mobili, compresi smartphone e tablet iOS, Android e BlackBerry. Il tutto, ci tiene a sottolineare Western Digital, in totale sicurezza.

WD My Cloud si connette in rete tramite una normale presa Ethernet e, volendo, si integra con i principali servizi di public cloud (Dropbox, SkyDrive e Google Drive) per facilitare il trasferimento dei dati salvati su server remoti. La soluzione supporta inoltre lo standard DLNA, permettendo di fatto lo streaming dei contenuti multimediali (video in primis) verso media player, smart TV e console abilitate.

I prezzi indicativi, comprensivi di IVA, sono di 189,90 euro per My Cloud da 2TB, di 239,90 euro per la versione da 3TB, di 299,90 euro per la versione da 4TB. La mobile app My Cloud è già disponibile per il download su App Store e Google Play.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti