Sky Online Tv Box (Large)
Internet

Sky Online Tv Box: cos'ha in più (e in meno) rispetto al satellite

Tutti i programmi Sky (anche lo sport) in streaming grazie a una scatola nera da collegare alla Tv. Ecco come funziona

Il satellite non basta. Per aggredire nuove fasce di mercato e difendersi dalla concorrenza sempre più agguerrita degli altri broadcaster (italiani ed esteri) occorre altro. Ad esempio lo streaming, meglio ancora se snello, immediato, capace insomma di abbattere tutte le barriere, tecnologiche e non, che finora hanno tenuto i contenuti Internet lontani dai salotti dei telespettatori.

Sky aggiunge un altro tassello alla sua offerta Internet, e questa volta si tratta di un set top box, termine anglosassone che sta a indicare quel genere di soluzioni hardware che consentono di ampliare l'offerta di contenuti presenti sul televisore di case. Sky Online Tv Box - questa il nome del prodotto - è in fin dei conti uno scatolotto nero da attaccare a un qualsiasi televisore, non necessariamente smart, per avere tutta la programmazione di Sky On Line (cinema, sport ed enterteinment) in streaming. Un modo discreto e tutto sommato semplice per entrare nelle case di chi finora non ha mai preso in considerazione un abbonamento alla tv satellitare, o perché troppo cara o perché sovrabbondante rispetto alle necessità reali di contenuti.

 

Il pensiero va istintivamente ai giovani e in particolare a tutti coloro che fino ad oggi si sono dedicati a pratiche non propriamente legali: “È una formula che permette di allargare i nostri orizzonti verso il mondo del prepagato", spiega l’AD di Sky Italia, Andrea Zappia, aggiungendo: “Siamo convinti che questo tipo di offerta possa coinvolgere anche chi ha sempre cercato contenuti televisivi su Internet attraverso servizi pirata”.

Basta una tv (con ingresso HDMI) e una connessione Adsl
Sky, è evidente, punta sulla semplicità. E in effetti, sul piano squisitamente tecnico, le credenziali per accedere al servizio sono minime: oltre al Tv Box (che, per inciso, è prodotto da Roku e costa 49.99 euro) occorre una linea Adsl o fibra (banda minima 2,5 Mbps) e un televisore dotato di ingresso HDMI. Il risultato, va detto, non è identico a quello del servizio satellitare: la definizione è più bassa (Sky Online Tv Box trasmette a 720p contro l’HD e il Full HD dell’offerta via etere) e il controllo della funzionalità di registrazione e riproduzione/pausanon è così raffinato come quello integrato sui decoder My Sky HD. In compenso sono presenti tutta una serie di app ottimizzate per il grande schermo, da Spotify a Facebook, da Vevo a Vimeo, da YouTube a RedBull Tv.

Contenuti: lo sport è on-demand, il cinema a un tot al mese
Come già accade per l’offerta Sky Online su pc, tablet e console, i contenuti Sky saranno acquistabili attraverso un ticket pass (una sorta di abbonamento mensile rinnovabile di volta in volta), come singoli eventi on demand o come mini-pacchetti cumulativi per le manifestazioni più lunghe o aritcolate. Tradotto in soldoni, si pagheranno 14.99 euro per un mese di cinema, 9,99 euro per l’offerta Intrattenimento (serie tv e show di Sky in diretta) e un prezzo variabile per lo sport: nel listino attuale si va dai 4.99 euro per una partita della Bundesliga o di un gran premio di F1 o del motomondiale, prove comprese, ai 9.99 euro per tutto l’European Tour BMW di golf).

È presto per dire se la nuova proposta in streaming di Sky sia sufficientemente attraente per convincere i quasi 20 milioni di italiani che oggi si accontentano del solo digitale terrestre. Tuttavia, la mossa del colosso britannico appare comunque sensata nell’ottica di presidiare una territorio che fa gola a tanti. E che, con l’arrivo (ormai certo) di Netflix, potrebbe cambiare faccia radicalmente.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti