RetailMeNot
Internet

RetailMeNot: sbarca in Italia il marketplace degli sconti

Una delle più importanti piattaforme di offerte digitali al mondo si apre al mercato tricolore. Ecco cosa offre e come funziona

Sconti, codici, voucher e coupon digitali: il Web abbonda di sistemi capaci di portare le offerte migliori al cospetto dell’utente. Ma quali scegliere? Di chi fidarsi?

Se è vero che l’atteggiamento degli acquirenti online è spesso ondivago e compulsivo (l’occasione fa l’uomo consumatore, oltre che ladro), è anche vero che ci sono realtà che si stanno cercando di imporsi come punti di riferimento assoluto per questo genere di “affari”. Rientra fra queste RetailMeNot, servizio lanciato nel 2009 con il preciso intento di imporsi come unico interlocutore per il mercato della scontistica.

L’idea che sta alla base della piattaforma - da oggi ufficialmente in Italia con una versione localizzata e in lingua - è piuttosto semplice: diventare il più grande marketplace di offerte digitali a livello globale, una sorta di piazza virtuale nella quale far convergere consumatori, negozi e brand.

"Le promozioni riguardano varie categorie merceologiche", ci spiega Giulio Montemagno Senior Vice President International di RetailMeNot, "si va dalla moda all'elettronica, dai viaggi alla bellezza, dalla salute al food. L'utente può sfruttare un’offerta già immediatamente disponibile sulla piattaforma o acquisire un codice da redimere all’interno dell’ecommerce del produttore. In alcuni casi offriamo anche un vero e proprio cashback su acquisti di determinati importi".

Le cifre snocciolate dalla società parlano di oltre 718 milioni di visite e di 4,8 miliardi di dollari di vendite “favorite” grazie a questa attività di intermediazione. Numeri interessanti che potrebbero ulteriormente lievitare grazie al traino delle nuove tecnologie, soprattutto di quelle mobili. È anche e soprattutto in quest’ottica che va vista la decisione di aprire il marketplace in Italia, una nazione ancora piuttosto indietro rispetto alla media europea come propensione all’eCommerce ma ai primi posti al mondo per quanto riguarda il tasso di adozione di smartphone e dispositivi mobili.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Boox, l'ecommerce diventa verticale

Una piattaforma comune e diversi negozi specializzati. È la strategia della nuova società, ispirata a un modello che ha avuto successo con i blog. E che permette di ridurre i costi e aprire velocemente nuove botteghe digitali

Commenti