Internet

Google Maps Gallery, ogni genere di mappa interattiva

Grazie a un accordo con il National Geographic e altri istituti, Google mette online decine di mappe tematiche che fino a ieri erano reperibili solo in forma cartacea, da quelle storiche, a quelle ambientali, a quelle spaziali

Google Maps Gallery

– Credits: Google

A nove anni dal suo lancio, Google Maps stringe ancora saldo lo scettro di risorsa primaria per chi ha bisogno di riferimenti cartografici o servizi di geolocalizzazione. Ma siccome a Mountain View circola una patologia che impedisce ai capoccia di accontentarsi dei risultati raggiunti, Big G ha deciso di strafare e integrare nel proprio servizio mappe una carrellata di antiche mappe tematiche che fino a ieri erano reperibili solo in formato cartaceo, inoltrando domanda formale alle istituzioni depositarie.

Stiamo parlando di un nuovo progetto chiamato Google Maps Gallery , una piattaforma che mette a disposizione degli utenti decine di mappe storiche, statistiche, ambientali e geopolitiche, prese direttamente dagli archivi del National Geographic, del World Bank Group e dello US Geological Survey. 

Maps Gallery funziona come un atlante digitale interattivo dove chiunque può cercare e trovare mappe ricche e coinvolgenti” si legge nell’annuncio ufficiale diramato da Google “Le mappe incluse nella Gallery possono essere visualizzate in Google Earth e sono raggiungibili dai maggiori motori di ricerca, il che significa che i cittadini e gli addetti ai lavori possono accedere a svariati dati, come la localizzazione di progetti di costruzioni municipali, planimetrie storiche di città, statistiche di popolazione, modifiche da deforestazione e vie di evacuazione dalle emergenze aggiornate.

Si tratta di mappe interattive che possono tornare utili ai professionisti, come agli studenti, come ai semplici utenti. Mettiamo che sei un giornalista e stai scrivendo un pezzo sull’andamento del tasso di disoccupazione nei singoli stati europei , su Google Maps Gallery c’è una mappa interattiva che illustra quante persone abbiano perso il proprio impiego dal 2008 ad oggi, in ogni singola nazione. Oppure sei uno studente di scienze ambientali che sta scrivendo una tesi sulle variazioni climatiche nel 1900, c’è una mappa interattiva che mostra l’andamento della temperatura media nelle varie zone tra il 1950 e il 1980. Tra le mappe più interessanti figura quella che mostra l’aumento degli utenti internet negli ultimi vent’anni nei vari paesi, la planimetria della città di Londra a fine ‘800  o qualunque delle mappe planetarie realizzate dal SETI Institute.

© Riproduzione Riservata

Commenti