Internet

Google: Chrome condivide i documenti con il suono

Tone, il nuovo add-on per il browser Chrome, utilizza il suono per trasferire rapidamente le URL ai computer vicini

Google

L'ultimo esperimento di Google su Chrome potrebbe essere divertente, ma anche molto utile
Il nuovo add-on, Tone, studiato per il browser porterebbe a condividere rapidamente le URL ai computer posti nelle vicinanze, semplicemente attraverso il suono.

L'estensione, utilizzabile se almeno due computer l'hanno installata, devono essere vicini e avere entrambi il volume acceso.

Una volta che la scheda che si desidera condividere con il vostro, o i vostri, vicini è aperta, basta fare cliccare sul pulsante del megafono che compare nella barra degli strumenti del browser, poi si attende la serie di segnali acustici, e il link da condividere viene inviato a tutti i computer nelle vicinanze (e l'invio viene anche confermato tramite una notifica in Chrome).

L' add-on per il browser è stato creato in un solo pomeriggio da Alex Kauffman di Google e Boris Smus che lo hanno segnalato sul blog della società di ricerca.
Kauffmann ha scritto sul suo blog: "Tone arriva dall'idea che mentre i metodi di comunicazione digitale come e-mail e chat hanno reso infinitamente più facile, più economico e veloce poter condividere le cose con le persone di tutto il mondo. Ma hanno in realtà reso più complicato condividere le cose con la gente accanto a te. Tone mira a rendere la condivisione di cose digitali con le persone vicine in modo facile e veloce, come parlare con loro."

Mashable ha avuto modo di testare questa funzione, riportando che  "è stata in grado di rilevare i segnali acustici da un computer portatile vicino anche quando il suono proveniva attraverso le cuffie”.

L'estensione è inoltre in grado di condividere le URL con più computer contemporaneamente, purché ciascuno abbia l'estensione installata ed attiva (una facilitazione, per esempio, per gli uffici o le scuole).

Se volete provare Google Tone , potete scaricare l'estensione gratuita cliccando qui.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti