Internet

Ecco perché Internet fa bene alla memoria

Usare la rete ha un effetto di stimolo e riduce il declino cognitivo

– Credits: Violetkaipa/iStock/Thinkstock

Abbiamo sempre pensato che l'utilizzo del web potesse avere effetti negativi sul nostro cervello a partire dal fatto che facilita qualsiasi ricerca. La paura era quindi che potesse indurre a superficialità, pigrizia, disattenzione.

Invece pare di no: Internet fa bene al nostro cervello, ma soprattutto alla nostra memoria "tra le persone di età compresa tra i 50 e gli 89 anni", come si legge nelle conclusioni dello studio realizzato dall'equipe brasiliana della Universidade do Sul de Santa Caterina che risponde alla domanda  "Può Internet/e-mail ridurre il declino cognitivo?” (pubblicato su The Journal of Gerontology).

Per arrivare a questa conclusione il team di ricercatori ha analizzato per otto anni un campione di 6.442 volontari: per tutto questo tempo i partecipanti hanno compilato dei questionari relativi all'utilizzo di Internet e delle e-mail, eseguendo poi dei test legati alla memoria.

Alla fine dello studio, i ricercatori hanno scoperto che chi utilizzava di più Internet e gli strumenti digitali, migliorava la propria memoria rispetto a chi, invece, non li utilizzava. Non solo: i risultati hanno dimostrato che anche i soggetti che avevano funzioni cognitive abbastanza basse all'inizio della sperimentazione, erano migliorati con l'utilizzo di Internet.

Questa correlzione, analizzata al netto di età o posizione sociale dei soggetti, dimostra una correlazione tra funzioni cognitive e utilizzo del web: in partica Internet apre le menti a nuovi orizzonti e a nuove interazioni, stimolando il cervello e la memoria.

Concludendo anche che i paesi, dove l'alfabetizzazione digitale viene promossa, "potranno aspettarsi tassi di incidenza più bassa rispetto alle demenze senili nel corso dei prossimi decenni".

© Riproduzione Riservata

Commenti