Internet

Deep Mind, l'intelligenza artificiale di Google: cos'è e cosa fa

Attraverso il suo programma il colosso di Mountain View avrebbe rilevato 1,6 milioni di dati di pazienti da usare in un test di medicina predittiva

intelligenza-artificiale

– Credits: iStock

Google avrebbe acquisito i dati di milioni di pazienti britannici per un esperimento di medicina predittiva avvalendosi del suo programma di Intelligenza Artificiale, Deep Mind. Ma che cos’è questa “creatura” comprata nel 2014 dal colosso di Mountain View e quali saranno i suoi campi di applicazione in futuro?
Sono 1,6 milioni i dati richiesti alla NHS (Royal Free National Health Security) un’organizzazione che in Gran Bretagna punta allo sviluppo della medicina anche in campo tecnologico, per poi utilizzarli in un esperimento di medicina predittiva, violando la privacy dei pazienti britannici all’oscuro del progetto.

A tutela dei dati di quei pazienti, ignari della sperimentazione, si è schierata Elizabeth Denham, membro della commissione ICO, che ha spiegato come NHS e Google avrebbero dovuto modificare i moduli sottoposti ai pazienti per informarli del trattamento dei loro dati personali senza scavalcare la legge sulla privacy che di certo, ha ironizzato Denham, "non è una barriera all’innovazione".

Che cos’è Deep Mind

È una società britannica, creatrice di algoritmi per lo sviluppo dell’Intelligenza artificiale (A.I) nata nel 2011 dalle menti geniali del neuroscienziato Dennis Hassabis in cooperazione con i ricercatori Shane Legg e Mustafa Suleyman. Acquisita da Google nel 2014 per creare programmi di simulazione e giochi online  adesso sta lavorando anche nel campo della medicina predittiva.

Perché la medicina

Deep Mind si sta lanciando nella sperimentazione di test che acquisiscono milioni di dati da fornire al personale medico per creare, in un futuro non molto lontano, tecniche di screening ottimizzate dal ruolo delle macchine pensanti messe nella posizione, grazie all’evolversi dei loro algoritmi, di decidere tempestivamente riuscendo ad utilizzare strategie adatte di prevenzione e protezione nei confronti delle malattie.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti