Mytech

Il nuovo iMac entry-level da 21,5" di Apple: le cose da sapere

Poco più di 1100 Euro per un desktop all-in-one sottile, bello da vedere e con un grande schermo. Ma potrebbe non essere un affare per tutti: ecco perché

Gli iMac con schermo da 21,5" e 27" – Credits: "courtesy of Apple"

Apple ha aggiunto alla sua offerta di Macintosh desktop un nuovo iMac con schermo da 21,5 pollici, il cui prezzo parte da 1129 Euro, ovvero 200 Euro meno del precedente modello base, che rimane disponibile. L'azienda di Cupertino ha annunciato la novità descrivendo il nuovo iMac come "il perfetto desktop Mac entry-level" ed oggettivamente il nuovo ingresso copre almeno in parte la fascia di prezzo rimasta scoperta, quella che andava oltre gli 819 Euro del Mac mini di punta

Un iMac a "basso costo" (le virgolette sono doverose, visto che l'esborso è comunque superiore al migliaio di Euro) era dato per imminente già lo scorso autunno . Ma ora che Apple ha confermato le voci e effettivamente aggiunto un modello più appetibile per chi vuole aggiornarsi o passare al mondo Mac, vale la pena esaminare un po' meglio le caratteristiche tecniche .

L'iMac entry-level ha le stesse dimensioni, schermo, porte e connettività dei fratelli maggiori, ma è dotato di una CPU Intel Core i5 dual-core a 1,4 GHz che può essere spinta fino a 2,7 GHz, ha 3MB di cache L3, la GPU è integrata, la Intel HD 5000, e la memoria RAM è di 8 GB.
Si tratta di specifiche molto simili, se non identiche a quelle dei portatili MacBook Air , che seppur soddisfacenti e adeguate a pilotare l'ottimo schermo da 21,5" con risoluzione di 1920 x 1080 pixel (che non è ancora Retina) non brillano per potenza.
Inoltre è bene sottolineare che laddove al momento dell'ordine dell'iMac si può optare per un disco rigido da 1 TB, un Fusion Drive da 1 TB o unità flash da 256 GB, processore, scheda video e memoria non sono modificabili o espandibili in alcun modo o momento.  

In altre parole: per chi ha bisogno di una postazione Office, andare su Internet, fruire ed elaborare un po' di foto, musica o video, il nuovo iMac base è probabilmente una buona scelta. Di contro, chi ha bisogno di lavorare (o giocare) con tranquillità e desidera un computer più longevo, che regga anche i sistemi operativi che seguiranno a OS X Yosemite , farà bene a sborsare qualche centinaio di Euro in più per gli iMac presentati lo scorso anno e che rimangono a listino a prezzi invariati. Questi iMac hanno tutti almeno un Intel Core i5 quad-core con clock da 2,7 GHz, hanno più cache di terzo livello, RAM espandibile a 16 o 32 GB, e schede grafiche integrate più capaci come la Intel Iris Pro Graphics se non schede grafiche dedicate NVIDIA GeForce con almeno 1 GB di memoria.

Nota: tutte le immagini sono "courtesy of Apple".

© Riproduzione Riservata

Commenti