Mytech

Ifa 2014, sette nuovi gadget imperdibili

Il visore per la realtà virtuale, dispositivi indossabili evoluti e curiosi, la stampante 3D low cost. Frammenti del meglio dalla fiera di Berlino 

da Berlino

È la fiera dei dispositivi indossabili: smartwatch, certo, ma non solo. È la fiera dell’elettronica di consumo, con tutte le sue classiche declinazioni, ma non può ignorare il vento forte, la grande ondata dei dispositivi mobili, a partire, naturalmente, dagli smartphone. È la fiera delle ultime tendenze: dalla realtà virtuale alla stampa 3D. I prodotti in mostra in questi giorni qui all’Ifa di Berlino non si contano. Questa è una piccola, ragionata, parzialissima selezione di alcune primizie da non perdere.

Samsung Gear Vr
Cos’è – Un visore per la realtà virtuale (nella foto di apertura), sviluppato in collaborazione con Oculus VR, azienda di proprietà di Facebook e pioniere del settore. Non serve un Pc e nemmeno una console, il Gear trasforma lo Galaxy Note 4 in una finestra su questo mondo parallelo e interattivo. Una finestra ampia, che sa monetizzare al meglio il valore aggiunto dei 5,7 pollici del phablet della casa sudcoreana.
Perché – È un accessorio che dimostra che la realtà virtuale è sempre più vicina e concreta e non è necessariamente ancorata all’universo dei videogame. Il visore dovrebbe arrivare in autunno, dunque a breve, mentre della commercializzazione di Project Morpheus di Sony non si hanno ancora notizie certe e Oculus Rift è ancora riservato agli sviluppatori.

LG G Watch R
Cos’è – Uno smartwatch che, anziché presentare un display quadrato o appena rettangolare come la maggior parte dei suoi competitor, ha uno schermo di forma circolare da 1,3 pollici che sfrutta il 100 per cento della superficie visiva. A bordo ci sono un processore Snapdragon da 1,2 GHZ e 4 giga di memoria interna. Ed è resistente all’acqua.
Perché – In attesa di vedere cosa Apple leverà dal cilindro con iTime, è il prodotto che meglio si avvicina al concetto e al design (parecchio elegante, va detto) di orologio intelligente.

Sony Xperia Z3
Cos’è – Uno smartphone top di gamma dal peso di appena 152 grammi e uno spessore di 7,3 millimetri, con notevoli tocchi di stile: la cornice arrotondata, materiali come il vetro temperato e l’alluminio, la generosa gamma di colori. Impermeabile, con una fotocamera da 20,7 megapixel e un robusto processore quad-core.
Perché – Il display da 5,2 pollici è davvero notevole, la batteria da 3100 mAh promette fino a 19 ore di conversazione e dieci ore consecutive di riproduzione video. C’è la nuova funzione per giocare con la console PS4 in ogni angolo della casa. Insomma, è un prodotto davvero completo.

Panasonic X1000
Cos’è – Una videocamera che registra in 4K usando come supporto le schede di memoria Sd. Ha un obiettivo firmato Leica e uno zoom ottico 20x, senza esagerare con le dimensioni, garantendo così di potersi muovere senza stancarsi troppo. Per controllare le riprese c’è un display LCD da 3,5 pollici sensibile al tocco.
Perché – Permette di fare un primo ottimo passo nello standard video del futuro. Il processore che monta al suo interno è stato studiato per gestire un robusto flusso di dati e le immagini sono di qualità anche quando il livello di illuminazione è scarso. Bella l’idea di due slot per le schede di memoria, che permettono di memorizzare il girato su altrettante Sd in contempoanea, azzerando l’ansia di vederlo perso per qualche inconveniente.

Music Beany
Cos’è – Un berretto che nasconde al suo interno un sistema per ascoltare la musica, senza bisogno di indossare cuffie e auricolari e senza fili. Si collega via Bluetooth a qualsiasi dispositivo mobile e ha un’autonomia di otto ore.
Perché – È il classico gadget curioso che può diventare un accessorio di stile o, perché no, un piccolo cult tra giovani e giovanissimi. Di sicuro è discreto. E, allo stesso tempo, può stupire gli amici. Aggressivo il prezzo: 29,99 euro. Arriva a ottobre.

Jabra Sport Pulse Wireless
Cos’è – Un sistema di auricolari di alta qualità, che integrano un cardiofrequenzimetro (rilevano le pulsazioni direttamente dall’orecchio) e promettono un avvolgente audio Dolby. Accanto alla musica, grazie a una app collegata, si ha un personal trainer vocale sempre a disposizione e si può tenere traccia, nel tempo, dei progressi e dei risultati raggiunti.
Perché – L’idea buona è raggruppare nello stesso piccolo dispositivo oggetti distinti. Allenarsi può significare ricoprirsi di sensori, in un modo a volte eccessivo. Per esempio: smartwatch, più cellulare, più fascia toracica per il battito cardiaco. Qui è tutto all’insegna della sintesi. Il prodotto arriva a novembre a 199,99 euro.

XYZprinting da Vinci 2.0 Duo
Cos’è – Una stampante 3D che permette di creare progetti di diverso colore utilizzando filamenti di 12 cromie. Il tutto grazie a cartucce facili da installare. Centinaia di oggetti chiavi in mano sono scaricabili da un ampio database e realizzabili a casa con un paio di clic.
Perché – Com’è evidente, si tratta di un prodotto creato per essere per tutti, neofiti del settore e tecnonegati innanzitutto. Non bisogna impazzire per montarla.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti