Mytech

HP, a giugno la prima stampante 3D

La società di Palo Alto è pronta a far debuttare il suo primo modello per la stampa tridimensionale. Con due obiettivi: migliorare velocità e qualità del processo

Meg Whitman, CEO di HP – Credits: Suhaimi Abdullah/Getty Images for International New York Times

La passione di HP per la stampa non la scopriamo certo oggi. Dal 1984 (anno dell’introduzione della prima Laserjet) ad oggi, la casa di Palo Alto ha sempre dedicato una bella fetta dei suoi investimenti al settore delle stampanti. Uno sforzo che oggi le vale il primato indiscusso nel settore: ogni 10 stampanti vendute – ci dice Gartner – ben sei sono firmate Hewlett Packard.

Ma la notizia di un imminente sbarco del colosso californiano nel mondo della stampa 3D fa comunque scalpore. Per caratteristiche intrinseche e potenzialità, entrare nel segmento del "3D printing" rappresenta forse l’obiettivo più ambizioso fra quelli affrontati dalla società in questi anni. I vertici della casa sono comunque certi di avere tutte le carte in regola per poter sfondare anche nella terza dimensione. Per almeno una buona ragione, anzi due: le attuali stampanti 3D sono lente e di bassa qualità. "È come veder il ghiaccio sciogliersi", ha spiegato la CEO di HP Meg Whitman, aggiungendo: "La superficie del substrato non è perfetta".

Da qui la consapevolezza di poter dare al mercato qualcosa di nuovo e soprattutto convincente: "Crediamo di aver risolto entrambi i problemi e faremo un grande annuncio tecnologico a giugno che riguarderà proprio il nostro approccio a questo mercato", promette la Whitman.

Per il momento si sa solo che HP punterà – almeno inizialmente – sul mercato business. Nei mesi scorsi, peraltro, la società aveva già rivelato di essere al lavoro su una soluzione sviluppata per un fornitore di servizi (l’equivalente di un FedEx per la stampa) per permettere ai consumatori di inviare progetti digitali da materializzare attraverso la stampa 3D di alta qualità. Ma vista la tradizione del produttore è lecito attendersi un percorso di sviluppo che guarderà naturalmente anche al settore consumer (costi permettendo).

Il settore delle stampanti 3D rappresenta uno dei segmenti più effervescenti dell’Universo tecnologico: le unità vendute nel 2013 sono cresciute nel 2013 del 67% (fonte IDC) ma le stime per il futuro sono ancora più rosee. Secondo Lux Research, il mercato delle soluzioni tridimensionali arriverà a fatturare entro il 2025 8.4 miliardi di dollari (dai 77 milioni del 2012).

 
© Riproduzione Riservata

Commenti