Mytech

Facebook: cinque consigli per un post di successo

Un esperto di social media ha analizzato quasi un milione e mezzo di messaggi pubblicati sul social network. E ha scoperto che il numero di Mi Piace (così come quello dei commenti e delle condivisioni) varia in base ad alcuni parametri sensibili. Ecco quali sono

facebook-highlights

Quali sono i criteri che regolano il successo o meno di un post su Facebook? Per quale motivo ci sono aggiornamenti di stato capaci di fare più volte il giro della Rete e altri che finiscono inesorabilmente nel gorgo dell’anonimato?

Il grado di interesse che un messaggio è capace di suscitare fa certamente la differenza ma non è l’unico discriminante. Dan Zarrella, uno dei massimi esperti di social media, ha voluto capirci di più. Così si è armato della proverbiale pazienza di Giobbe e ha analizzato quasi un milione mezzo di post provenienti dalle 10.000 pagine più seguite su Facebook (o, meglio, da quelle con il maggior numero di Like).

Le sue conclusioni le trovate qui di seguito, in cinque pratici suggerimenti per il post di successo.

1.Le foto bucano il video

Quando si dice che un’immagine vale più di 1000 parole (Pinterest docet ). Vale a dire: se volete migliorare il numero di Like, ma anche quello di commenti e di condivisioni, vi conviene corredare il vostro post con una o più fotografie. I dati parlano chiaro: un contributo arricchito da un'immagine ha una probabilità 10 volte maggiore di "piacere" e addirittura 60 volte maggiore di essere condiviso rispetto al link nudo e crudo. Decisivo anche l’apporto del testo, soprattutto per ciò che riguarda la capacità di attirare i commenti.

Facebook-foto-Like_emb8.jpg

2. Parlate in prima persona

Esprimere un punto di vista personale paga sempre. Le statistiche anche in questo caso non mentono: il numero di Like cresce proporzionalmente alla quantità di parole autoreferenziali (ad esempio “io”, “mi”, eccetera).

Facebook-autoreferenzialita_emb8.jpg

3. La neutralità non paga

Un corollario del punto precedente riguarda il carattere emozionale dei post. In base alla ricerca condotta da Dan Zarella il numero di "pollici alti" e di commenti è strettamente correlato all’enfasi del testo: significa che è meglio sbilanciarsi (sia positivamente che negativamente) piuttosto che rimanere neutrali.

Facebook-sentimento_emb8.jpg

4. Le dimensioni contano

Sintetici o prolissi? Secondo lo studio i testi molto corti e quelli molto lunghi sono quelli che ottengono il maggior numero di Mi Piace. Più complessa la statistica per quanto riguarda la parte di sharing: tendenzialmente si può dire che il tasso di condivisione cresce con l’aumentare a lunghezza dei messaggi con un picco significativo intorno ai 450 caratteri.

Facebook-lunghezza.jpg

5. Grazie a Dio è venerdì

Nonostante sia molto utilizzato nei giorni feriali (e spesso anche durante le ore di lavoro), è nel week-end che Facebook fa registrare il maggior numero di interazioni. Il grafico qui sotto non lascia spazio a dubbio: il sabato e la domenica sono i giorni nei quali si concentra il maggior numero di Like.

Piuttosto interessante anche l’analisi sull’andamento dei post in relazione agli orari. Il picco massimo per le condivisioni si ha intorno alle 20.00, quello dei Mi Piace verso le 18.00. Ma l'attività è intensa anche durante le prime ore del giorno e nell’ora di pranzo, come dire che conviene pubblicare quando gli altri non pubblicano.

Facebook-giorni_emb8.jpg
Facebook-ore_emb8.jpg

Credits grafici: danzarrella.com

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Commenti