I palloni di Google possono andare ovunque?

Nel fine settimana Google ha lanciato i suoi primi palloni aerostatici nei cieli della Nuova Zelanda. Questi porteranno la connessione internet a residenti di zone non raggiunte dalla normale linea e quindi finora tagliati fuori dal mondo web. Il Project …Leggi tutto

google-lancia-palloni-internet-project-loon.jpeg

Nel fine settimana Google ha lanciato i suoi primi palloni aerostatici nei cieli della Nuova Zelanda. Questi porteranno la connessione internet a residenti di zone non raggiunte dalla normale linea e quindi finora tagliati fuori dal mondo web. Il Project Loon di Google prevede che i palloni volino a circa 20 chilometri d’altezza e che svolazzino liberi nel cielo. Ma possono davvero andare dove vogliono?

Come precisa Forbes: “La prospettiva di utilizzare palloni d’alta quota come piattaforme di comunicazione solleva complesse domande giuridiche che riguardano l’accesso e il controllo dello spazio aereo”.

Pare che le preoccupazioni maggiori riguardino la distanza e non la quota alla quale si trovano i palloni. Migliaia di palloncini vengono mandati per aria ogni giorno senza causare grossi problemi,  con la differenza che restano in volo solo per poche ore e sempre nello stesso paese (nazione politica)…o quasi sempre. Al contrario, far volare un palloncino in tutto il mondo di continuo è difficile e non solo a causa dei problemi di ingegneria coinvolti. La sfida più grande è individuare un percorso preciso da far seguire ai palloncini soprattutto evitando di invadere lo spazio dei paese contrari a tale tipo di “invasione”.

Google dice che i palloncini del progetto Loon possono essere “guidati in salita o discesa“. Anche se dovesse essere così semplice, quando l’unica cosa che puoi controllare è altitudine le probabili sterzate diventano piuttosto limitate. Un portavoce di Google ha espresso la volontà di estendere il servizio con il tempo. Questo potrebbe significare invadere i cieli di paesi ostili e meno abbordabili sotto il punto di vista burocratico. In altre parole, a prescindere dai potenziali meriti tecnici, un sistema veramente globale di palloni che portano internet a tutti potrebbe essere un’utopia, almeno per il momento.

© Riproduzione Riservata

Commenti