Casa

Toymail: per comunicare con i figli

Hanno forme buffe i nuovi giocattoli che si trasformano, per i genitori, in uno strumento di comunicazione con i propri figli a casa. Per mandare e ricevere messaggi

– Credits: by Toymail

Molti genitori hanno spesso il desiderio di sentire (o farsi sentire) dai propri figli quando sono fuori casa per lavoro.

Questo piccolo oggetto, collegato al Wi fi di casa, nasce proprio per queso ed è ovviamente dedicato ai più piccoli (dai tre anni in su).

Il progetto è di Adry Hill e Gauri Nanda, già nota per aver inventato Clocki (la geniale sveglia che scappa quando si attiva).

Ecco come funziona: “Attraverso un’app, ideata sia per Android sia per iOS, i genitori in qualsiasi momento della giornata possono inviare dei messaggi vocali ai propri figli. Questi vengono filtrati con voci da cartoni animati e trasmessi ai bimbi.

I piccoli, poi, potranno rispondere schiacciando un semplice pulsante e parlando nel loro giocattolo” spiega Nanda.

ToymailApp-ToymailPostcardScreen_emb4.jpg

Ovviamente il fatto che i messaggi arrivino da un giocattolo parlante, che sembra un incrocio tra una cassetta postale e un buffo animaletto, stimola i bambini a interagire.

I Toymail sono cinque: Snort, Fairfax, Buck , Rochester  e Milksop. Praticamente un telefono senza fili tecnologico. Ma più divertente. E anche i nonni potranno usarlo.

Schermata-2013-12-04-a-12.29.22_emb4.png

Potete trovarli sul sito a loro dedicato oppure su Kickstarter.  

Guardate il video:

 
© Riproduzione Riservata

Commenti