A tutto Oled. Philips ribadisce la sua volontà di investire nel settore delle tv a pixel autoilluminanti con l’annuncio di due nuovi modelli di fascia alta che vanno ad aggiungersi al 901F, primo Oled della casa presentato a IFA sul finire della fine della scorsa estate. 

Si tratta dei nuovi Serie 9002 da 55 e 65 pollici, due televisori con schermo organico di ultima generazione e tecnologia Ambilight che si posizionano proprio in cima al portfolio della società del gruppo Tp Vision. Le differenze rispetto al primo modello della casa sono da ricercare sia a livello estetico – il design delle Tv Philips, hanno spiegato i responsabili della casa, sarà sempre più in linea con i canoni del gusto europeo - sia per quanto riguarda la parte di elaborazione dell’immagine.

 

Un processore d'immagine tutto nuovo
È qui che la società vuol fare la differenza. Se il pannello Oled (fornito da Lg display) assicura già di per sé un nero assoluto e il sistema Ambilight (un’esclusiva Philips) amplia gli orizzonti dell’esperienza di visione su tutta la parete di casa, la presenza di un nuovo processore (P5) può completare l’opera, dando al telespettatore l’illusione di essere davvero dentro l’immagine. Philips parla di un miglioramento delle performance di oltre il 50% rispetto ai precedenti modelli di fascia alta. Miglioramenti che, sempre a detta dell’azienda, sono tangibili in tutte le cinque componenti chiave che definiscono la qualità d’immagine: nitidezza, colore, contrasto, movimento e correzione dell’immagine sorgente.

Philips Tv Oled 9002

– Credits: Roberto Catania

Luminosità sotto controllo
Quanto alla luminosità, l’impressione è che più che cercare il valore da primato (che per inciso è di 750 Nit) Philips abbia voluto lavorare sulla sua ottimizzazione: la presenza dell'ormai collaudato sistema Micro Dimming Premium dovrebbe garantire in questo senso una migliore gestione dei picchi, o - per usare uno slogan tanto cari ai produttori di detersivi - un bianco ancora più bianco. Non meno importante, anche sul fronte della gestione del colore, il supporto all’HDR10, lo standard più gettonato per ciò che riguarda la riproduzione di contenuti ad alto range dinamico

Philips Tv Oled 9002

– Credits: Roberto Catania

Più avanti un altro Oled e il primo Quantum-Dot
I nuovi Tv Oled 9002, che dovrebbero arrivare in Italia entro l'estate a un prezzo compreso fra 3.000 e 4.500 euro, rappresentano solo una parte della gamma che Philips ha intenzione di portare al debutto entro il 2017. Nel corso dell’anno, infatti, sono previsti anche un secondo modello della serie 9,  sempre Oled ma dotato di soundbar, e alcuni modelli di fascia intermedia, senza Oled ma con schermi ad alta definizione e ad alto polliciaggio; tradotto in sigle stiamo parlando dei nuovi modelli della gamma 6412 (nei tagli da 43” 49” 55” 65”), 6482 (49” e 55”) e 7502 (49” 55” 65”). 

Ma la vera novità la vedremo probabilmente a settembre, in occasione di IFA, con l'arrivo di un nuova Tv a tecnologia Quantum-Dot. E' la carta che potrebbe dare alla società maggiori chance di penetrazione nel mercato di massa. La tecnologia Quantum LED è infatti considerata da più parti la miglior alternativa all’Oled per i Tv basati su schermi Lcd, una soluzione di alto livello ma a costi mediamente più abbordabili rispetto agli schermi organici.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti