La lampadina a incandescenza è morta, viva la lampadina a incandescenza! Philips dedica il suo personalissimo omaggio alle ormai defunte lampadine A19 lanciando una nuova linea di bulbi LED dal sapore decisamente retrò.

Per la divisione Lighting della società olandese l’obiettivo è dichiarato: offrire un’alternativa concreta (e legale) a tutti quegli utenti che giudicano l’attuale generazione di lampadine a risparmio energetico poco piacevoli, sia sul piano estetico che su quello dell’illuminazione. Da qui l’idea di una nuova linea della famiglia classic LED composta da lampadine simili in tutto e per tutto alle vecchie unità a incandescenza, all’esterno come all’interno.

Le differenze rispetto al passato sono essenzialmente due: il filamento di tungsteno, messo al bando dalla UE a partire dal 2009, viene qui sostituito da un sistema di sottilissimi fasci LED; in secondo luogo si tratta di lampadine dimmerabili, in grado cioè di variare intensità e temperatura dell’illuminazione attraverso una tecnologia proprietaria (DimTone).

Nell’ottica di un ulteriore passaggio normativo - l’abolozione delle alogene in Europa a partire dal prossimo mese di settembre - Philips ha inoltre annunciato l’arrivo di una nuova gamma di luci LED spot sempre a tecnologia DimTone. Queste lampade, ha spiegato l’azienda in occasione di Light + Building 2016 a Francoforte potranno essere montate sugli stessi attacchi (GU 10) delle normali lampade alogene ma con una riduzione dei consumi di circa il 90%.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La lampadina intelligente ai tempi del web

Funziona sui tradizionali portalampada, si collega alla rete wifi e può emettere migliaia di colori. Si comanda con lo smartphone e ha una vita media di 25 anni. Arriva l’anno prossimo.

Commenti