idbox apertura
Casa

Idbox, la stampante 3D che costruisci da solo

Si compra on line e, dopo dodici spedizioni mensili, la si assemblea con le proprie mani. In Giappone è stato un successo, ora tenta il bis in Italia

In passato si andava in edicola, si acquistavano i fascicoli e, numero dopo numero, si metteva insieme il materiale per costruire modellini di ogni tipo: camion, moto, treni, animali, personaggi famosi reali o letterari, interi monumenti. Oggi la tendenza non è tramontata, sopravvive ma si adegua al tempo: gli oggetti mantengono sempre l’elemento della serialità, la logica di aggiungere un tassello con ogni uscita, ma si comprano on line. E i gadget a cui si dà vita con il fai da te sono aggiornatissimi, autentici gioielli di tecnologia: l’ultimo, per esempio, è una stampante 3D.

Dettaglio stampante

Un oggetto creato dalla stampante – Credits: idbox!

Si chiama idbox!, si assembla acquistando 12 spedizioni mensili sul web (sul sito Model-Space.com) e, come tutti i prodotti di questa categoria, non è proprio per tutte le tasche. L’investimento è di circa mille euro, spalmati in 85 euro e spicci ogni 30 giorni. Ma, alla fine, ci si assicura un dispositivo di qualità (le specifiche sono sotto il video più giù), che permette di riprodurre a domicilio qualsiasi cosa la propria mente suggerisca. Disegnandola da zero, oppure pescando sul web tra un numero incalcolabile di file pronti per essere stampati. Con la soddisfazione di avere costruito con le proprie mani questa officina in miniatura.

L’investimento è di circa mille euro, spalmati in 85 euro e spiccioli ogni 30 giorni per dodici mesi

In Giappone, dove la collana è stata lanciata lo scorso gennaio, il successo è stato notevole: le persone che hanno deciso di acquistarla sono state più di 42 mila. Un numero che ha reso il prodotto popolarissimo nel Paese, nonostante una concorrenza agguerrita. In Italia l'iniziativa potrebbe contribuire a sdoganare un comparto ricco di potenziale e di start-up, che offrono soluzioni anche molto più economiche di idbox!, ma faticano ad arrivare al grande pubblico. E poi la possibilità di spalmare il pagamento in un anno (sobbarcandosi naturalmente la parallela attesa prima di avere a disposizione il prodotto finito) potrebbe rivelarsi un incentivo. In fondo, le stampanti 3D non hanno la stessa obsoloscenza degli altri gingilli hi-tech.

Le istruzioni per montare la stampante, è quasi superfluo specificarlo, si scaricano direttamente on line. Queste le sue specifiche tecniche.

CORPO DELLA IDBOX

Dimensioni: 250 (larghezza) × 250 (profondità) × 275 (altezza) mm

Peso: circa 5kg

Tecnica di modellazione: modellazione a deposizione fusa

CARATTERISTICHE MODELLI

Dimensioni massime Modelli: 150 (larghezza) × 130 (profondità) × 100 (altezza) mm

Diametro dell’ugello: 0.4mm

Risoluzione: 0.1mm

Velocità modellazione: 100mm al secondo

Dimensione filamenti: PLA, ABS* 1.75mm

SOFTWARE COMPATIBILI

Sistemi Operativi: Windows 7 o successivi, Mac OS X

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Abbiamo assaggiato il cibo stampato

Pizza, hamburger, caramelle, ricette complesse. La rivoluzione in cucina passa dalle macchine 3D che preparano un vero pasto con un clic. Ecco che sapore ha

Commenti