Candy_Lavatrice_GrandO_Simply-Fi_GSF4137TWHC32-1
Casa

Candy: gli elettrodomestici connessi sono il futuro, anzi il presente

Dalla lavatrice alla cappa: la società italiana presenta la nuova linea di smart appliances controllabili da dispositivi mobili

Candy gioca d’anticipo. A due mesi dall’IFA di Berlino, la più grande manifestazione europea dedicata all’elettronica di consumo, il gruppo di Brugherio è già pronto a svelare i suoi piani per il futuro: un arsenale di elettrodomestici nuovi, tecnologici, ma soprattutto connessi.

Lavatrici, lavastoviglie, piani cottura, forni, frigoriferi, cappe: tutta la nuova linea della società è diventata smart. Che significa in parole povere visibile e gestibile da dispositivi mobili.

 

I vantaggi di una casa connessa
L’Internet delle cose, il concetto che rivoluzionerà il nostro rapporto con tutti gli oggetti, anche quelli di casa, non è più una promessa. I tempi sono maturi per passare dalle parole ai fatti, per portare gli elettrodomestici intelligenti nelle case dei consumatori.

Per Candy tutto questo si traduce in un marchio – Simply-Fi –  che racchiude un’intera linea di prodotti che si connette a Internet e, da qui, allo smartphone o al tablet dell’utente. Basta scaricare l’omonima app su dispositivo iOS o Android per abilitare la comunicazione uomo-macchina, in qualsiasi momento, da qualsiasi luogo.

Così il forno diventa preriscaldabile dall’autobus, tornando dal lavoro, la lavatrice si avvia nel bel mezzo di una gita al parco, la piastra a induzione si accende e si spegne per strada; quando rientreremo in casa l’arrosto che avevamo lasciato sul fornello sarà pronto per essere servito in tavola.

Una sfida, anche per il punto vendita
Si tratta ovviamente del primo passo. Molto resta ancora da fare per rendere l’esperienza d’uso ancora più ricca, e agevole. Ma la strada è segnata. "Intravediamo un mondo che si sta trasformando in fretta, e nel quale gli elettrodomestici saranno il centro di un network", spiega Aldo Fumagalli, presidente del Gruppo, sottolineando la già straordinaria escalation che questo genere di prodotti sta riscuotendo nel mondo. "In Cina ci sono già 400 mila apparecchi connessi, in Europa siamo più indietro ma le previsioni di crescita sono a doppia cifra".

La sfida non sarà solo tecnologica. "Bisogna mettere l’elettrodomestico sul punto vendita, spiegare alla gente come si connette, – puntualizza Beppe Fumagalli, AD della società – per questo motivo abbiamo cercato di semplificare il più possibile la procedura di accoppiamento . Per collegare un smartphone Android ad una lavatrice, ad esempio, basterà semplicemente avvicinarlo ad essa, ci penserà il protocollo NFC ad effettuare automaticamente il pairing.

La concorrenza, è evidente, non starà a guardare. Candy però è convinta di aver un buon vantaggio competitivo, soprattutto in termini di tempi. "Aver iniziato prima ci ha portato a capire prima quali sono gli errori da evitare", sottolineano i responsabili. Perché, è evidente, chi acquista un forno, un frigorifero o una lavatrice non lo fa certo con l’idea di sostituirlo dopo pochi mesi, e nemmeno dopo pochi anni.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti