Casa

Bowers & Wilkins: il primo speaker bluetooth

Si chiama T7 il piccolo speaker portatile, wirless, con un'autonomia di 18 ore

T7 di Bowers & Wilkins

Design e potenza si incontrano nel nuovo speaker Bluetooth T7 di Bowers & Wilkins. 

Utilizza la tecnologia proprietaria Micro Matrix che vede l’impiego di una struttura a nido d’ape per irrigidire il cabinet e creare una solida struttura intorno ai driver, con conseguente netto miglioramento delle performance acustiche.
Questa tecnologia è l’evoluzione di Matrix, un solido rinforzo interno ai mobili della Serie 800 Diamond usati negli studi di Abbey Road e impiegata anche nella nuova generazione di soluzioni audio dedicate al settore automotive di Bowers&Wilkins.

T7 si avvale di due radiatori (in attesa di brevetto) ad alto rendimento capaci di produrre bassi impressionanti anche ad alto volume.
I convertitori analogico-digitali ad elevate prestazioni assicurano una qualità audio molto vicina all’originale, mentre l’elaborazione del segnale digitale DSP garantisce un perfetto controllo del suono a prescindere dal tipo di musica che si sta ascoltando o dall’altezza del volume.
I due Driver da 50mm rappresentano il risultato di un lungo processo di ricerca intrapreso dagli ingegneri acustici di Bowers&Wilkins. L’uso di Bluetooth aptX  assicura che non vengano persi importanti dettagli durante la trasmissione wireless con ogni tipo di dispositivo dotato di tecnologia Bluetooth (Pc, Mac, tablet, smartphone).

T7 è stato progettato con un’interfaccia semplice così da rendere l’interazione e l’uso dello speaker facile per ogni appassionato; ha la grandezza di un libro rilegato ed è stato pensato per essere portato ovunque; la sua batteria al litio, ricaricabile in 4 ore, dà un’autonomia di utilizzo fino a 18 ore a normali livelli di ascolto.
Nonostante le dimensioni ridotte, T7 è estremamente solido e stabile, a cui si aggiunge la sospensione in gomma che fornisce maggior protezione.

Distribuito in Italia da Audiogamma, da novembre sarà disponibile al prezzo di euro 349.

Ecco il video di presentazione:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti