Alexa prodotti Alexa Dish
Casa

Alexa va (anche) in Tv: è la fine del telecomando?

Il maggiordomo di Amazon si prepara a conquistare il televisore e i suoi accessori. Con l’obiettivo di regalarci un'esperienza a mani libere

Dal telecomando ai comandi vocali. Per l’industria dell’intrattenimento da salotto i tempi sono maturi per cercare (e possibilmente trovare) nuove forme di interazione con il telespettatore. Più naturali, dirette, veloci. Anche perché ad agevolare il compito ci sono i progressi compiuti dall’intelligenza artificiale: algoritmi evoluti condensati sotto forma di assistenti virtuali pronti a recepire i comandi umani in tutte le loro forme. Anche quelle vocali.

• LEGGI ANCHE: Come funziona Amazon Echo

Per informazioni chiedere ad Alexa. Il maggiordomo digitale creato da Amazon per creare un dialogo fra uomo e tecnologia sta diventando uno dei punti fermi dei tasselli che compongono il mosaico dei prodotti per l’home enterteinment. Lo troviamo dappertutto. Nei televisori, certo, ma non solo. Anche tutti gli altri piccoli e grandi dispositivi che compongono l’ecosistema tecnologico del nostro soggiorno sembrano voler regalarci un'esperienza a mani libere.

Da Dish ecco la pay-tv che si comanda a voce
Un chiaro esempio di quanto detto ci arriva da Dish Network, fornitore americano di contenuti televisivi in pay tv, che ha appena annunciato l’arrivo sul mercato di un nuovo decoder con funzionalità Echo integrate.

• LEGGI ANCHE: Alexa, l’intelligenza artificiale di Amazon è ovunque

Il ricevitore in questione è stato pensato fin dall'origine per interagire con Alexa Skills, l’applicazione che permette ai dispositivi di terze parti di essere controllati tramite i prodotti Amazon dotati di interfaccia vocale: Amazon Echo, quindi, ma anche Echo Dot e Amazon Tap. Il risultato è una pay-tv fatta di contenuti che si gestiscono senza muovere un dito: il telespettatore, in pratica, può cambiare canale, cercare programmi, mettere in pausa o scorrere avanti o indietro attraverso semplici comandi vocali.

Un'opportunità aperta a tutti
Non si tratta, è bene precisarlo, di funzionalità inedite. Chi conosce Amazon Fire Tv (ma anche Apple Tv, Android Tv Roku) sa bene che i comandi vocali per questo genere di applicazioni sono già in stato avanzato (almeno per gli utenti che parlano inglese). C’è però un aspetto che merita di essere sottolineato, ed è la diffusione di questo modello di interazione sui dispositivi di terze parti. Sono i vantaggi offerti dall'adozione di un framework aperto qual è appunto Alexa. Quelli che fanno pensare che a breve non ci sarà dispositivo connesso che non sia in grado di ascoltarci.

• LEGGI ANCHE: Amazon Echo ci aiuterà a trovare… l’assassino

Da qui a decretare la morte del telecomando però ne passa. Già negli anni passati – qualcuno si ricorderà gli esperimenti (fallimentari) delle tv a comandi gestuali – il buon vecchio controller a infrarossi è stato dato più volte per spacciato. Ma alla fine è sempre sopravvissuto.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

5 modi per risparmiare su Amazon

Dalle sezioni degli sconti ai servizi per il monitoraggio dei prezzi: ecco qualche consiglio per gli amanti dell'acquisto oculato

Commenti