Mytech

Android 4.2, aggiornamento vero o ritocchino?

Google rilascia la nuova versione del suo sistema operativo in formato tascabile, Jelly Bean. Fra le novità una nuova funzione per l’acquisizione di foto panoramiche e una modalità di scrittura “swype” nativa

ll nome in codice, Jelly Bean, è sempre lo stesso, ma dal numero progressivo della release – 4.2 – si capisce che qualcosa è cambiato. Così se siete interessati ad acquistare un nuovo dispositivo Android (come ad esempio il Nexus 4 prossimo venturo) o se magari vi state chiedendo quando arriverà il prossimo aggiornamento per il vostro amato telefonino Google-based ora lo sapete: lo stato dell’arte del sistema operativo dell'alieno verde si è evoluto. Ma cosa si nasconde davvero dietro al cambio di decimale da 4.1 a 4.2: una semplice operazione di restyling o un rinnovamento molto più profondo? Giudicate voi stessi.

Photo Sphere, la risposta di Google a Panorama

Google parla di "fotografia sferica", come dire che i dispositivi motorizzati Android 4.2 potranno scattare in ogni direzione per realizzare composizioni a 360 gradi. Detta in altre parole: i nuovi telefonini Android possono scattare foto ultrapanoramiche , ancora meglio di ciò che fanno gli attuali iPhone 5 attraverso la funzione Panorama.

Android-4-2-panorama.jpg

Gesture typing: ora lo "swipe" è di serie

Avete presente la modalità di scrittura "a strascico" resa celebre da Swype ? Ecco, su Android 4.2 è di serie. Se stavate cercando un degno erede del T9 per i cellulari touch lo avete già trovato.

Dal piccolo al "grande" schermo

Come Apple, anche Google vorrebbe tanto accaparrarsi le simpatie dei telespettatori. Fintantoché Google Tv non sarà un prodotto degno di nota, gli smartphone Android (o perlomeno quelli motorizzati Jelly Bean 4.2) potranno trasferire tutti i contenuti video dal piccolo al “grande” schermo. Quel che serve è una Tv Hdmi e un adattatore Wi-Fi.

Il tablet si fa la cornice

Fra le varie funzioni pensate per il mondo tablet ce n’è anche una che consente di visualizzare una slideshow fotografica (piuttosto che una rassegna di notizie distillate da Google Currents) ogni qual volta il dispositivo entra in modalità di stand-by. Piccoli screensaver 2.0 crescono.

Android-4-2-daydream_emb8.jpg

Il centro delle notifiche

Windows Phone 8 ha le live tiles? Android risponde con le notifiche centralizzate: basta un unico gesto (una frustata di pollice dall’alto al basso) per avere sotto controllo tutte le interazioni con il resto del mondo. Nulla di nuovo sotto il sole, se non il solito impeccabile lavoro di razionalizzazione.

Sim sala beam

Prendi due cellulari Android 4.2 con supporto NFC e avvicinali: come d’incanto i contenuti di uno verranno trasferiti sull’altro, senza bisogno di accoppiamenti né di altre operazioni da smanettoni. Telecinesi? No, Android Beam.

A tutta velocità

Ad occhio nudo si fa davvero fatica a scorgere le differenze prestazionali fra il "vecchio" e il nuovo. Ma sotto la lente d’ingrandimento la reattività di Android 4.2 rispetto al suo predecessore balza all’occhio. Se non ci credete date un’occhiata a questo video comparativo.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nexus 4, ecco il primo smartphone con Android 4.2

Realizzato in collaborazione con Lg, il nuovo telefonino di Google offre una dotazione da primo della classe (Lte escluso) ma a un prezzo di partenza decisamente concorrenziale: 299 dollari. Debutterà a metà novembre, ma in Italia lo vedremo più avanti

Commenti